Tag

, , , ,

ImmagineDue degli appuntamenti con il laboratorio di lingua inglese per bambini, Meet Peter Rabbit! sono trascorsi. Bambini e bambine sono venuti e insieme abbiamo seguito le avventure di due degli animaletti più simpatici e combinaguai del mondo di Beatrix Potter: Peter rabbit e Squirrel Nutkin.

Col primo abbiamo imparato vocaboli come ‘lettuce’ (lattuga), ‘French beans’ (fagiolini) o ‘radish’ (ravanello), che è il cibo che Peter mangia a volontà nel giardino di Mr. McGregor, dove la mamma gli aveva detto di non andare. E Mr. McGregor lo scopre, lo insegue e poi, stanco di seguirlo, decide di lasciarlo perdere e di utilizzare la giacca blu e le scarpine che si è perduto nella corsa come spaventapasseri.

Squirrel Nutkin ha un’avventura di carattere un pochino più sedentario, perché al cospetto del gufo Old Brown, non è rispettoso come i suoi cuginetti e suo fratello che gli portano in dono ‘three mice’ (tre topi), ‘one mole’ (una talpa), ‘one egg’ (un uovo) e molto altro in cambio di ‘nuts’ (nocciole), ma si diverte a dargli fastidio raccontandogli degli indovinelli come il seguente:

“Riddle me, riddle me, rot-tot-tote!

A little wee man, in a red red coat!

A staff in his hand, and a stone in his thorat;

If you tell me this riddle, I’ll give you a groat.”

(Indovina indovinello, lo-lo-lo!

Un ometto in un rossissimo cappotto-lo!

Un bastone in mano e nella gola un masso;

Ti darò una moneta se risolvi questo rebuss.”)

100_2957La risposta ce la dà Potter segnando in corsivo la parola ‘cherry’ (ciliegia). E così sarà per gli altri indovinelli la cui soluzione si trova sempre nella stessa pagina però evidenziata in corsivo. Ma cosa accade a Nutkin? Ad un certo punto Old Brown si arrabbia e lo fa prigioniero. Nutkin non si arrende e lotta per salvarsi, ma fuggendo il grande gufo gli strappa parte della ‘tail’ (coda), impartendogli così un’importante lezione di vita.

Il laboratorio ha portato presso la Libreria dei ragazzi verdure, disegni da colorare, nocciole, pigne e altri oggetti funzionali alla comprensione delle storie. Bambini e bambine hanno ripetuto i vocaboli, ripassato numeri e colori, giocato al gioco dei mimi, colorato le immagini dei protagonisti dei racconti e rimesso in fila le riproduzioni delle illustrazioni di Potter che avevano a disposizione.

Siamo ora pronti per il prossimo apputnamento, giovedì con la simaptica, pure se un po’ ingenua Jemima Puddle-Duck!

Annunci